A cura della Dottoressa Anna Di Leva.

Introduzione

Il Declino Cognitivo Lieve (Mild Cognitive Impairment)è una condizione in cui il funzionamento cognitivo è al limite tra il corretto e autonomo utilizzo delle abilità quotidiane e la loro compromissione.

A fini diagnostici, particolare attenzione è posta alla conservazione delle abilità quotidiane che possono rendere funzionale/disfunzionale lo stile di vita dell’anziano [1].La diagnosi di MCI varia in base al tipo di abilità compromesso, il MCD è amnesico se è presente solo un deficit di memoria e a sua volta è diviso in MCD amnesico singolo dominio rilevato da deficit selettivo alle prove di memoria, mentre è classificato come MCD amnesico multipli domini in cui accanto al deficit di memoria è presente una compromissione di almeno un’altra funzione cognitiva.

Il MCI non amnesico, invece, presenta una selettiva compromissione ad un dominio che non sia la memoria; a sua volta anche questo è classificabile in multi dominio quando sono associati più deficit cognitivi esclusi quelli di memoria [2].

L’intervento diagnostico parte dalla richiesta del paziente stesso o di un familiare mentre il processo diagnostico procede con la valutazione della prestazione a test cognitivi e alla raccolta anamnestica da parte del paziente e dei familiari, con particolare attenzione al livello di consapevolezza rispetto al proprio stato di salute.

Inoltre, il MCI se non individuato e trattato precocemente può evolversi verso un disturbo neurocognitivo, specificamente in demenza pertanto si rileva fondamentale l’attività preventiva [3].

Eziologia

Il MCI può essere causato da un processo neurodegenerativo, da un danno ischemico, da un trauma o da disturbi metabolici [1]. Il fisiologico invecchiamento delle funzioni cerebrali è legato alla riduzione dell’integrità strutturale del cervello ed è stato riscontrato che la zona di maggior riduzione è il lobo frontale [4]. La struttura cerebrale è composta da materia grigia e sostanza bianca, il volume della corteccia cerebrale dipende sia dal numero di neuroni e la loro grandezza sia dalla conduzione delle fibre bianche, fondamentali per la formazione di nuove reti neurali. Tuttavia, con l’avanzare dell’età vi è una riduzione del volume cerebrale dovuto alla perdita di corpi neuronali [5] probabilmente è legato ad una ridotta attività metabolica che tiene in vita tali cellule [6] ed una riduzione di mielina alle fibre nervose porta all’anisotropia delle stesse con una conseguente riduzione delle connessioni neurali [7; 8].Il volume cerebrale inoltre, è legato al processo di vascolarizzazione e ossigenazione delle differenti aree [9]. 

Con il processo diplasticità cerebrale possono formarsi nuove connessioni neurali che andranno a compensare quelle danneggiate [5] inoltre, alcuni dei fattori che incidono sul deterioramento cognitivo e la plasticità neuronale sono le esperienze di vita e conoscenze acquisite che potenziano le reti pre-esistenti e contribuiscono alla creazione di nuove [3].

Chicherio (2012) differenzia tra riserva cerebrale e riserva cognitiva, due concetti legati all’ adattamento del cervello alle richieste ambientali. La riserva cerebrale è la componente strutturale del cervello in termini di assoni, volume dei neuroni e la loro associazione [10; 11], e indica il grado di danno sopportabile dal cervello prima di manifestare segni clinici [12; 11] mentre,la riserva cognitiva è la capacità di svolgere al meglio la prestazione reclutando differenti reti neurali e rafforzando le risorse residue avvalendosi di strategie cognitive [12; 3], essa è data dalla scolarità, esperienze di vita, intelligenza e apprendimento cognitivo, svolgere attività stimolanti, maggior impegno sociale [13; 14].Tuttavia, l’influenza dell’ambiente circostante e le abilità acquisite durante la vita aiutano l’adattamento strutturale e funzionale del cervello, le cui stimolazioni influenzano la crescita neuronale e plasticità cerebrale [10; 12].

Step- Training

Lo scopo della stimolazione cognitiva nell’anziano è prevenire l’esordio di malattie neurodegenerative e potenziare le abilità cognitive residue, provando a creare nuove reti neurali compensatorie per contenere e migliorane la funzionalità[15; 3], includendo di conseguenza cambiamenti comportamentali[16].

La realizzazione delle attività di stimolazione è favorita dal materiale fruibile e utilizzabile a domicilio da parte degli anziani stessi [17] come completare cruciverba, leggere, favorire tecniche per la memorizzazione, l’attenzione e la capacità cognitive oltre che giochi di società, puzzle di parole/immagini, disegno creativo e attività fisica [18; 12; 15; 17; 19].

Un fattore fondamentale è l’ambiente in cui gli anziani svolgono tali attività; l’ambiente divertente e di gruppo incita una maggior considerazione sia delle abilità stimolate ad hoc sia stimolare nuove esperienze in un contesto gruppale, favorendo la socialità che viene a mancare durante la terza età e stimolazioni ambientali continue [20; 21; 22]. L’inserimento degli anziani in attività di gruppo va a sopperire il senso di solitudine e di isolamento quasi inevitabile con l’avanzare dell’età, dando all’anziano senso di appartenenza e stimola la ri-scoperta di sé in un contesto [20].

Inoltre vi sono benefici legati alla pratica dell’attività fisica, soprattutto aerobica, che modula direttamente strutture cerebrali come il volume ippocampale [19], rafforza la struttura della materia bianca e favorisce la vascolarizzazione delle aree cerebrali influendo positivamente sia sul metabolismo cerebrale che sul corpo neuronale. Un buon livello di ossigeno durante lo svolgimento delle attività fisiche è fondamentale sia a livello muscolare che a livello cerebrale infatti, un adeguato apporto di ossigeno è basilare per il corretto funzionamento dei processi cognitivi [18; 23; 24, 9].

La nostra proposta

Tra gli esercizi di stimolazione che proponiamo inoltre, vi sono compiti quotidiani come la soluzione di problemi della vita quotidiana: maneggiare il denaro o pianificare la giornata [25], ciò va a stimolare differenti aree cerebrali da quelle frontali a quelle di memoria. In ausilio ad allenamenti carta e matita da effettuare a casa e ad allenamento fisico da effettuare in struttura, affianchiamo esercizi al computer utilizzando il programma “Brain Aging”. Nouchi (2012) [26] ha evidenziato, confrontando gli esercizi qui presenti con il gioco “tetris” l’andamento delle funzioni congnitive; è emerso che il “Brain Aging” portava maggior punteggio alle funzioni esecutive e velocità di elaborazione rispetto al “tetris”. Inoltre, in linea con lo studio di Lee (2019) [3] che dimostra come attività multitasking siano più efficaci che attività singole nel rafforzare in particolare memoria e concentrazione.

Bibliografia:

[1] Winblad. B.; et al. (2004). Mild Cognitive Impairment: beyondcontroversies, towards a consensus. Journal of Internal Medicine; 256: 240-246.

[2] Vo, V. Giau., et al. (2019) PotentialFluidBiomarkers for the Diagnosis of Mild Cognitive Impairment. International Journal o f MolecularSciences 20,4149.

[3] Lee JaeHee (2019) The Effect of Multi-taskingExerciseIntervention on Cognitive Function in Elderly and Cognitive ImpairmentPatients: a PilotMulticenterStudy. Dementia and NeurocognitiveDisorder.

[4] CourchesneE et al. (2000) Normal Brain Development and Aging: Quantitative Analysis at in Vivo MR Imaging in Healthy Volunteers. Radiology, 216, 672–682.

[5] Yang A, et al. (2016) The Association of Aging with White MatterIntegrity and Functional Connectivity Hubs. Frontiers in AgingNeuroscience, Vol.8, Articolo 143, 1-13.

[6]Angelie E, et al. (2001)RegionalDifferences and MetabolicChanges in NormalAging of the Human Brain: Proton MR SpectroscopicImagingStudy. American Journal of Neuroradiology, 22, 119–127.

[7] Nusbaum A, et al. (2001)Regional and Global Changes in Cerebral Diffusion with Normal Aging. American Journal of Neuroradiology, 22, 136–142.

[8] Xie S, et al. (2016) Subcortical White MatterChanges with NormalAgingDetected by Multi-Shot High ResolutionDiffusionTensorImaging. PlosOne, 10-1371, 2-14.

[9] Herold F et al. (2018) Applications of FunctionalNear-InfraredSpectroscopy (fNIRS) Neuroimaging in Exercise–Cognition Science: A Systematic, Methodology-FocusedReview. Journal of clinical medicine, 7-466.

[10] Steffener R, et al. (2012)Exploring the NeuralBasis of Cognitive Reserve in Aging. Biochimica et Biophysica Acta,1822, 467–473.

[11] Stern Y.(2002)Whatis Cognitive Reserve? Theory and Research Application of the ReserveConcept. Journal of the International Neuropsychological Society, 8, 448–460.

[12] Chicherio C, et al. (2012) La Capacità di Riserva Cerebrale e Cognitiva nell’Invecchiamento Cognitivo. Giornale Italiano Di Psicologia, 2, 315-339.

[13] Mondini S, e al. (2016) Cognitive Reserve in Dementia: Implications for Cognitive Training. Frontiers in AgingNeuroscience, Vol.8, Articolo 84, 1-7.

[14] Caselli R, et al. (20165) Sex-Based Memory Advantages and Cognitive Aging: A Challenge to the Cognitive ReserveConstruct?.Journal of the International Neuropsychological Society, 21, 95–104.

[15] Tardif S, et al. (2011) Cognitive Stimulation Programs in HealthyElderly: A Review. International Journal of Alzheimer’sDisease, 13, 378-934.

[16] JiangL, et al. (2016)CorticalThicknessChanges Correlate with CognitionChangesafter Cognitive Training: Evidence from a Chinese Community Study. Frontiers in AgingNeuroscience, Vol.8, Articolo 118, 1-8.

[17] Lustig C, et al. (2009)Aging, Training, and the Train: A Review and Future Directions. NeuropsychologyReview, 19, 504–522.

[18] Seider T, et al. (2016)CognitivelyEngaging Activity isAssociated with Greater Cortical and SubcorticalVolumes. FrontiersAgingNeuroscience, Vol.8, Articolo 94, 1-10.

[19] BisbeM,et al.  (2020) Comparative Cognitive Effects of ChoreographedExercise and MultimodalPhysicalTherapy in OlderAdults with AmnesticMild Cognitive Impairment: RandomizedClinical Trial. Journal of Alzheimer’sDisease 73 (2)769-783.

[20] Jackson J, et al. (2012) Can an Old Dog Learn (and Want to Experience) New Tricks? Cognitive Training IncreasesOpenness to Experience in OlderAdults. Psychology and Aging, 27, 286–292.

[21] Thompson G, et al. (2005) Cognitive-Training Programs for OlderAdults: What are They and Can TheyEnhanceMentalFitness?. Educational Gerontology, 31, 603-626.

[22] Holtzman R, et al. (2004) Social Network Characteristics and Cognition in Middle-Aged and OlderAdults. Journal of Gerontology, 6, 278–284.

[23] MaraldiC, et al. (2006) Esercizio Fisico, Declino Cognitivo e Demenza negli Anziani. Giornale di Gerontologia, 54, 186-194.

[24] TranterL, et al. (2007) Age and FlexibleThinking: An ExperimentalDemonstration of the BeneficialEffects of IncreasedCognitivelyStimulating Activity on Fluid Intelligence in HealthyOlderAdults. Aging, Neuropsychology and Cognition, 15, 184-207.

[25] Van Hooren S, et al. (2007) Effect of a Structured Course Involving Goal Management Training in OlderAdults: A RandomizedControlled Trial. PatientEducation and Counseling, 65, 205–213.

[26] Nouchi R, et al. (2012)  Brain Training Game Improves Executive Functions and Processing Speed in the Elderly: A RandomizedControlled Trial. PlosOne,Vol. 7, Articolo 1, 1-9.

10 thoughts on “UN PONTE TRA IL MILD COGNITIVE IMPAIRMENT (MCI) E IL DISTURBO NEUROCOGNITIVO.”

  1. Fantastic post however I was wondering if you
    could write a litte more on this subject? I’d be very
    thankful if you could elaborate a little bit more.
    Thank you!

  2. Hello there, I found your web site by means of Google even as looking for
    a comparable topic, your website got here up, it
    appears to be like great. I’ve bookmarked it in my google bookmarks.

    Hello there, just turned into alert to your weblog via Google, and
    located that it’s really informative. I’m gonna be careful for brussels.
    I will appreciate in case you continue this in future.
    A lot of other folks might be benefited from your writing.
    Cheers!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.