La resilienza è un’area di studio che per molto tempo si è concentrata sull’infanzia e l’adolescenza. Solo negli ultimi anni, l’interesse si è esteso a tutto l’arco della vita includendo anche l’età adulta e senile.
La resilienza è la capacità di fronteggiare eventi stressanti, superarli e continuare ad evolversi, aumentando le proprie risorse con una conseguente riorganizzazione positiva della vita. È un costrutto multi dimensionale che rimanda al contempo all’esistenza di fattori interni ed esterni di resilienza, al processo di sospensione e reintegrazione resiliente e al processo di regolazione delle emozioni.
Nella letteratura relativa agli studi sullo stress viene messo in risalto un notevole grado di eterogeneità nella risposta individuale. Ciò si manifesta sia all’interno dello stesso soggetto che tra soggetti diversi e risulta essere ancora più evidente durante la vecchiaia, quando la vulnerabilità biologica è maggiore.


Diverse evidenze empiriche dimostrano, tuttavia, che nonostante la riduzione dell’attività autonomica generale, gli anziani possiedono una notevole capacità di recupero di fronte agli eventi stressanti. Viene inoltre evidenziato che il mantenimento e la promozione della salute e del benessere, sono agevolati da risorse di protezione sia familiari, comunitari o ambientali che individuali o personali.
In merito alle risorse individuali, studi sperimentali mostrano come i soggetti anziani resilienti presentino, in conseguenza a stress sperimentali, un ritorno ai livelli base dell’attivazione cardiovascolare in maniera significativamente più rapida rispetto ai soggetti con più bassi livelli di resilienza. Questo più rapido adattamento sembra essere mediato dalla sperimentazione di emozioni positive durante e immediatamente dopo l’evento stressante. Le emozioni positive sono anche responsabili dello sviluppo delle risorse personali a livello cognitivo e delle capacità di coping.

In particolare, i resilienti in situazioni critiche riescono a sviluppare ulteriori risorse psicologiche, grazie all’effetto di mediazione esercitato dalle emozioni positive, che permettono loro di adattarsi rapidamente agli eventi. Le condizioni necessarie e sufficienti per identificare la dinamica del processo di resilienza sono, l’intervento di una condizione altamente stressante, potenzialmente traumatizzante, e la conseguente evoluzione positiva in termini di benessere psico-sociale. L’esito positivo in termini di accrescimento del benessere personale, rappresenta quindi un elemento costitutivo e non accessorio del processo di resilienza.

Bibliografia

  • George A Bonanno, 2004 Loss, Trauma, and Human Resilience: Have We Underestimated the Human Capacity to Thrive After Extremely Aversive Events? February 2004 American Psychologist 59(1):20-8
  • Erica S. Edwards, MSW, Alex Zautra,,  Resilience in Aging , Arizona Center of aging The University of Arizona
  • Ekman P, Friesen WV, Ancoli S. Facial signs of emotional experience. Journal of Personality and Social Psychology. 1980;39
  • Barbara L. Fredrickson, Roberta A. Mancuso, Christine Branigan, Michele M. Tugade, 2011, The Undoing Effect of Positive Emotions, PMC
  • Barbara L. Fredrickson., 1998  What good are positive emotions? Review of General Psychology;2:
  • Corey L. M. Keyes . 2010, New frontiers in resilient aging: Life strengths and well-being in late life. New York: Cambridge University Press.
  • Snyder, Shane J. Lopez, Lisa M. Edwards, Susana C. Marques, 2020 The Oxford Handbook of Positive Psychology
  • Suniya S. Luthar Ph.D. & Edward Zigler Ph.D., 1991 Vulnerability and competence. A rewie of research of resilience  American Journal of Orthopsychiatry
  • Elena Malaguti, 2005  Educarsi alla resilienza. Come affrontare crisi e difficoltà e migliorarsi. Erickson
  • Carol D. Ryff, Burton Love Singer,  Gayle Dienberg Essex, Marilyn J. 1998, Resilience in adulthood and later life: Defining features and dynamic processes. in The Plenum series in adult developing and aging. Handbook of aging and mental health: An integrative approach (p. 69–96)
  • Michael Rutter, 1985 Resilience in the Face of Adversity Protective Factors and Resistance to Psychiatric Disorder, The British Journal of Psychiatry , Volume 147 , Issue 6 , December
  • Michael Rutter, 1987 psychosocial resilience and protective mechanisms, American Journal of Orthopsychiatry
  • Alex J. Zautra, Johannes Berkhof &Nancy A. Nicolson, 2010  Changes in affect interrelations as a function of stressful events,   Cognition and Emotion

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.